Fisioterapia Domiciliare a Roma

LE CERVICALGIE

 

 

Il dolore cervicale

Quando parliamo di di cervicalgia facciamo riferimento principalmente a due condizioni: la discopatia degenerativa ( o raramente un’ernia discale mediana), e la patologia artrosica articolare.

Nel primo caso i livelli C5-C6 e C6-C7 sono i più frequentemente coinvolti, e spesso  sono presenti anche osteofiti marginali anteriori del corpo vertebrale.

Le tipologie di cervicalgia sono le seguenti:

  1.  acuta

  2.  cronica

  3.  ricorrente

Nelle discopatie ricorre più frequentemente la forma acuta, mentre quella cronica è più presente nelle artropatie.

I sintomi che caratterizzano le cervicalgie sono solitamente il dolore, con insorgenza da pochi giorni a settimane provocato dalla pressione  sulle apofisi spinose e sui muscoli paravertebrali e la riduzione della mobilità del collo a  cui a volte si associa del torcicollo a causa della contrattura muscolare.

Per il trattamento delle forme acute è prevista la somministrazione  di antinfiammatori e decontratturanti, è altresì consigliato il ricorso a pratiche fisioterapiche, in particolare approcci come il metodo Mezieres.

Qualora la cervicalgia abbia origine da posture scorrette, è bene intervenire correggendole con adeguata ginnastica posturale.

In casi ove il dolore sia particolarmente persistente,  è particolarmente indicata la fisioterapia antalgica, capace di dar sollievo già dalle prime sedute.

Le diagnosi differenziali, oltre a casi rari dovuti a tumori o infezioni, possono intervenire in alcuni soggetti in età giovanile in cui non ci siano risultanze particolari  con i mezzi diagnostici in vigore; in questi casi spesso la cervicalgia è dovuta a ad alterazioni posturali e/o ipocinesi del collo, facilmente riscontrabile, per es., nei soggetti dediti a lunghe sedute al computer; qualora questa sia la diagnosi, il trattamento  lo stesso di quello delle forme degenerative.