Fisioterapia Domiciliare a Roma

Dolore al Ginocchio dopo L’intervento Chirurgico

Pazienti operati  riferiscono spesso di provare dolore al ginocchio dopo l’intervento chirurgico .

L’opinione degli addetti ai lavori è che il dolore dipenda frequentemente dal danno inevitabile, purtroppo, subito dalle minute terminazioni nervose in sede di intervento e tende purtroppo a cronicizzarsi se non si effettuano cure appropriate, è compito della fisioterapia alleviare il dolore del paziente affetto dalla patologia molto diffusa statisticamente soprattutto nei soggetti di sesso femminile.  Altri fattori di rischio sono legati all’età dei soggetti , si manifesta infatti soprattutto nei giovani ed in coloro che hanno subito chirurgia precedente.

Recenti studi infatti hanno permesso di capire, anche con l’aiuto di strumenti di diagnostica più sensibili che effettivamente il danno subito da questi piccoli filamenti nervosi è la causa del dolore “che persiste” dopo un intervento al ginocchio.

Cosa differenzia il dolore al ginocchio dopo l’intervento chirurgico che è normale aspettarsi  e il dolore che tende a diventare cronico?

In primo luogo la durata, se il dolore non scompare spontaneamente dopo qualche mese e se dopo un anno, un anno e mezzo ancora persiste , altri sintomi ci infiammazione cronica possono evidenziarsi nell’eventualità in cui appaiano gonfiori

Una diagnosi precisa è molto importante, in primo luogo per poter avviare terapie adatte al dolore neuropatico, in secondo luogo per escludere altre possibili cause.

 

Le cure

 

Il nervo periferico che causa dolore può essere trattato in varie maniere:

Fisioterapia

Tens

Ultrasuoni

Ionoforesi

Ed inoltre qualora queste metodiche non risolvano il problema potrà essere presa in considerazione la procedura  chirurgica, necessaria per liberare il nervo ove fosse intrappolato oppure in ultima ipotesi la recisione dello stesso.

Lesioni al Nervo Radiale

Il Nervo Radiale è uno dei principali nervi delle braccia.
La sua innervazione coinvolge il muscolo tricipite brachiale, estende le dita e il polso e controlla la sensibilità delle prime tre dita: pollice, indice e medio.

Una lesione a questo nervo comporterà debolezza, dolore, parestesie nella regione di innervazione.

Lungo il suo percorso dalla emersione negli spazi intervertebrali alla mano il nervo radiale “ruota” attorno all’omero, nella parte centrale del braccio, questo lo rende particolarmente suscettibile alle lesioni di tipo traumatico come le fratture dell’omero.

 

Classificazione

 

Si parla spesso di “stupor” del Nervo Radiale, cosa significa? Stupor dal latino significa insensibilità, ed è la reazione che il nervo può avere dopo un trauma, ma non rappresenta una diagnosi sull’effettivo danno, solamente una reazione.

Le vere lesioni nervolse possono essere classificate in:

 

La Neuroaprassia ,

si tratta di una lesione lieve, definita di primo grado, con paralisi e anestesia,  attraverso l’elettromiografia si evidenzia un blocco della conduzione ma le strutture nervose sono integre.

 

 

L’Assonotmesi

avviene quando l’assone e la mielina sono interrotti, ma le strutture circostanti (cellule di Schwann, perinervio ed epinervio) rimangono integre, viene definita lesione di secondo, terzo o quarto grado secondo l’entità del danno.

 

La Neurotmesi 

rappresenta la forma più grave di danno al nervo periferico, con interruzione totale di tutte le strutture.                  Viene classificata come lesione di quinto grado

 

I Sintomi

 

Dolore

Debolezza

Perdita della funzione di mano, dita e polso

 

Le cause

 

 

Le cause più comuni di lesioni al nervo radiale sono da trauma.

Fratture di omero, lesioni durante l’intervento chirurgico conseguente a frattura, lesioni dirette anche senza frattura come cadute, ferite da corpi contundenti o taglienti, pressione sul nervo sostenuta per molto tempo.

La Diagnosi

 

 

Il medico specialista effettuerà dei test per la diagnosi ed eventualmente potrà richedere ulteriori accertamenti  come elettromiografia, che valuterà  la velocità di conduzione nervosa e la sua eventuale interruzione, radiografie e risonanza magnetica.

 

Le cure

 

 

Il trattamento dipende dalla gravità della situazione.

Una lesione di primo grado, neuroaprassia, tenderà a migliorare da sola una volta rimossa la causa della sofferenza nervosa ma dato che spesso le cause risiedono in compressioni lungo il decorso del nervo potranno essere utili terapie fisioterapiche atte a liberare il nervo.

 

La paralisi temporanea del nervo radiale dopo un braccio rotto è molto frequente.

Se la lesione è di misura grave, il medico specialista potrebbe prendere in considerazione un intervento chirurgico.

Se i danni ai nervi sono troppo gravi si possono impiegare innesti o trasferimenti nervosi.

 

Conclusione

 

Lesioni al nervo radiale possono provocare paralisi,  dolore e una perdita di funzionalità nel braccio, nel polso, nelle mani e nelle dita.

La causa più frequente è un braccio rotto.

I medici possono consigliare conservativi, come il riposo e fisioterapia mirata, ma una persona può anche richiedere un intervento chirurgico.

 

 

Ictus Cure e Possibile Incidenza del Lockdown e Covid19

In questo particolare momento non possiamo non parlare di come il Lockdown dovuto al Covid19 possa essere considerato soprattutto nell’ambito della popolazione anziana ,grave fattore correlato all’Ictus.

La Fisioterapia in generale e la Fisioterapia Domiciliare in particolare può essere quindi di grande aiuto e rivestire un ruolo fondamentale nella cura e nella prevenzione di fattori di rischio  Pericolosissimi causati dal prolungato Lockdown dovuto al Covid19. In quest’ottica la nostra esperienza ci consente di aiutare quella fetta di popolazione che necessita di terapie fisioterapiche appropriate.

Gli Ictus sono attacchi cerebrali che si verificano quando l’apporto di sangue al cervello si blocca.

Di fatto è un’emergenza medica che richiede cure mediche immediate.

Statisticamente circa 800.000 persone hanno un ictus ogni anno, il che equivale a circa una persona ogni 40 secondi.

Durante un ictus, il cervello non riceve abbastanza ossigeno o sostanze nutritive, causando la morte delle cellule cerebrali; questo è il motivo per il quale è fondamentale che a diagnosi ed il trattamento avvengano il più rapidamente possibile n modo da ridurre al minimo il danno cerebrale. Il modo più efficace per prevenire gli ictus è attraverso il mantenimento di uno stile di vita sano e il trattamento delle condizioni sottostanti che potrebbero essere un fattore di rischio.

 

Trattamento

Poiché gli ictus ischemici ed emorragici hanno cause diverse, entrambi richiedono diverse forme di trattamento; la rapidità della diagnostica è importante non solo per ridurre il danno arrecato al cervello, ma anche perché un trattamento adatto per un tipo di ictus può essere dannoso quando si trattano tipi diversi.

 

Ictus ischemico

 

Gli ictus ischemici sono causati da ostruzione o restringimento delle arterie, pertanto il trattamento si concentra sul ripristino di un flusso adeguato di sangue al cervello.

Il trattamento inizia con farmaci che abbattono i coaguli e impediscono agli altri di formarsi. L’aspirina può essere somministrata, così come l’iniezione di attivatore del plasminogeno tissutale (TPA). La TPA è molto efficace nel dissolvere i coaguli ma deve essere iniettata entro 4,5 ore dall’inizio dei sintomi dell’ictus.

Le procedure di emergenza comprendono la somministrazione di TPA direttamente in un’arteria cerebrale o l’uso di un catetere per rimuovere fisicamente il coagulo. La ricerca è ancora in corso per quanto riguarda il beneficio di queste procedure.

Esistono altre procedure che possono essere eseguite per ridurre il rischio di ictus o TIA.

Un’endoarterectomia carotidea prevede un intervento chirurgico che apre l’arteria carotide e rimuove qualsiasi placca che potrebbe ostruirla.

In alternativa, un’angioplastica che prevede l’inserimento di un palloncino in un’arteria ristretta tramite catetere e quindi l’installazione di un tubo a rete chiamato stent nell’apertura, per impedire all’arteria di restringersi nuovamente.

 

Ictus emorragico

 

Gli ictus emorragici sono causati da perdite di sangue nel cervello, quindi il trattamento si concentra sul controllo dell’emorragia e sulla riduzione della pressione sul cervello.

Il trattamento può iniziare con farmaci somministrati per ridurre la pressione nel cervello, controllare la pressione sanguigna generale, prevenire le convulsioni e prevenire l’improvvise costrizioni dei vasi sanguigni.

Se un individuo sta assumendo anticoagulanti che fluidificano il sangue o un farmaco antiaggregante , possono essere somministrati dei farmaci per contrastare gli effetti del farmaco o delle trasfusioni di sangue per compensare la perdita di sangue.

La chirurgia può essere utilizzata per riparare qualsiasi problema con i vasi sanguigni che hanno condotto o potrebbe portare a ictus emorragici. I chirurghi possono posizionare piccoli morsetti alla base di aneurismi per fermare il flusso di sangue e prevenire la rottura.

Se l’emorragia è causata da malformazioni artero-venose (AVM), la chirurgia può essere utilizzata anche per rimuoverli se non sono troppo grandi e non troppo profondi nel cervello.

Gli AVM sono connessioni intricate tra le arterie e le vene che sono più deboli e scoppiano più facilmente rispetto ad altri vasi sanguigni normali.

Gli ictus sono eventi che cambiano la vita che possono influenzare una persona sia fisicamente che emotivamente.

Dopo un ictus, il recupero di successo comporta spesso terapie e supporto specifici:

 

Fisioterapia: la riabilitazione specialistica è fondamentale nell’aiutare una persona a imparare di nuovo il movimento e la coordinazione.

 

Logopedia: aiuta a risolvere problemi di produzione o comprensione della parola.

 

Terapia occupazionale: viene utilizzata per aiutare una persona a migliorare la propria capacità di svolgere attività quotidiane di routine, come fare il bagno, cucinare, vestirsi, mangiare, leggere e scrivere.

 

Supporto da parte di amici e familiari: le persone più vicine a una persona dovrebbero offrire supporto pratico e comfort dopo un ictus.

Permettere agli amici e alla famiglia di sapere cosa si può fare per aiutare è molto importante.

 

La riabilitazione è una parte importante e continua del trattamento.

Con la giusta assistenza e il supporto dei propri cari, è possibile riacquistare una qualità di vita soddisfacente.